Intelligenza artificiale batte l’uomo ai videogiochi

Intelligenza artificiale batte l’uomo ai videogiochi

Merito di Google DeepMind, un programma britannico controllato da Alphabet che è in grado di battere qualunque persona ai videogiochi: tutto ciò che serve è far conoscere le regole al programma, quest’ultimo si allenerà giocando contro se stesso fino a diventare un vero e proprio campione.

Un agente Ai addestrato, tramite un apprendimento di rinforzo, in grado di raggiungere delle prestazioni tali da permettere al computer di giocare in multi player ovvero contro altri giocatori umani. E, a sorpresa, nella vera sfida con l’uomo hanno vinto, anche quando i tempi di reazione sono stati rallentati a livelli umani.
Una delle prime vittorie di un computer sull’uomo è quella di Deep Blue della Ibm, diventato famoso nel 1997 per aver battuto il campione mondiale di scacchi, Garry Kasparov.
Altri esempi possono essere quelli del torneo di poker tenuto a Pittsburgh nel 2017 dove una macchina dopo 20 giorni ha vinto 1,7 milioni di dollari battendo quattro tra i giocatori più forti al mondo.

Su questo campo ogni giorno abbiamo nuovi progressi e ricerche, l’intelligenza artificiale mista ai robot sarà un giorno in grado di svolgere le nostre azioni quotidiane? non ci resta che aspettare

 

 

Lascia un commento